Programma

 11-18 LUGLIO 2020 # TOUR DELLE ISOLE EOLIE – PARTENZA DA ANCONA

TOUR ESCLUSIVO MIN 15 MAX 20 PAX CON ACCOMPAGNATORE ALESTE

Trasferimenti aeroporto/porto con bus ad uso esclusivo.  Le escursioni in motobarca rispettano le normative anti – contagio vigenti e saranno effettuate con barche da 90 posti, con capienza ridotta a meno della metà, non ad uso esclusivo.

L’arcipelago delle Eolie non è affatto lontano dalle coste della Sicilia, basti pensare che la più vicina delle isole, Vulcano, è a meno di 20 km da Capo Milazzo e che le sette “sorelle” sono poco distanti tra loro. Eppure qui sembra che la storia abbia avuto un altro corso. Vicine geograficamente, conosciute ed abitate sin dalla notte dei tempi, le Eolie sono però ancora oggi temporalmente lontane. Non nel senso di voler testimoniare un’arretratezza, anche perchè dal dopoguerra ad oggi lo sviluppo è stato enorme. Quanto per una sensazione di straniamento che la natura e l’ambiente geologico ci lasciano percepire. Qui è come se il tempo proceda con un altro ritmo: sarà per la presenza dei vulcani, per i colori e le forme dell’ambiente, per i contrasti che il mare e la terra ci riservano, che a volte si ha la percezione di vivere in un tempo “archeologico” se non addirittura “geologico”.

Le sette isole, Patrimonio Unesco dal 2000 per la peculiarità e unicità dell’ambiente, sono per l’appunto sette sorelle, perchè figlie degli stessi elementi e della paternità vulcanica. Ma ognuna ha un suo carattere ed i suoi colori dominanti. Si passa dal giallo-verde delle incrostazioni solfureee di Vulcano, al contrasto tra il nero dell’ossidiana e il bianco della pomice di Lipari. Salina invece sorprende per i mille toni di verde dei boschi, delle vigne e degli orti; Filicudi e Alicudi sono di un verde ancor più scuro e profondo. Stromboli di giorno è nera, mentre la notte si scorge il bagliore rosso dei lapilli e della sciara di fuoco che scende al mare; Panarea è come ambrata e punteggiata del bianco accecante delle abitazioni tipiche trattate con la calce.

Il nostro sarà un viaggio dinamico per aria, terra e mare. Voleremo da Ancona su Catania per poi trasferirci a Milazzo dove trascorreremo la prima notte. Il giorno successivo di buon mattino ci imbarcheremo per le Eolie e con una breve navigazione arriveremo a Lipari. Qui, dopo esserci sistemati (trascorreremo tutte le notti isolane a Lipari) aver pranzato in hotel, ed una prima presa di contatto dell’isola, incontreremo la nostra guida e nel tardo pomeriggio faremo un tour in bus dell’isola, per vedere i suoi minuscoli borghi, le bianche cave di pomice e meravigliosi panorami sulle isole circostanti. Durante le nostre giornate eoliane avremo sempre la possibilità di fare un bagno e prendere il sole su alcune delle spiagge più belle e famose.

Trascorreremo quindi un’intera giornata a Vulcano con escursioni per mare in motobarca e a terra a piedi. Immancabile un bagno nei fanghi e nella acque sulfuree.

Sarà quindi la volta delle piccolissime Alicudi e Filicudi, che svettano selvagge in mezzo al mare. A Filicudi raggiungeremo in motobarca anche la mitologica Grotta del Bue Marino, dove viveva il dio Eolo, dando origine al nome dell’arcipelago.

Il nostro quinto giorno sarà dedicato a Panarea e Stromboli che raggiungeremo in motobarca. A Panarea gusteremo le specialità tipiche come arancine, pitoni e calzoni (pranzo al sacco). A Stromboli, al tramonto, raggiungeremo con la motobarca il tratto di costa dove la sciara di fuoco giunge al mare ed ammirare lo spettacolo offerto dal vulcano.

Il nostro sesto giorno, in libertà, sarà interamente dedicato a Lipari.

Il settimo giorno sarà dedicato a Salina, dove ci attenderà un completo tour in bus. Qui raggiungeremo anche la frazione di Pollara, che riporterà a noi le memorie cinematografiche di quel capolavoro che è l’ultimo film di Massimo Troisi, Il Postino. Una curiosità sul cappero di Salina, presidio Slow Food: di questa pianta, che impareremo a riconoscere caparbiamente abbarbicata sulle rocce basaltiche, si mangia sia il fiore non ancora dischiuso, il piccolo boccio, sia il frutto, il cosiddetto cucuncio, più grande e meno saporoso ma squisito come antipasto e in insalata. Pranzo in ristorante a Pollara. Nel pomeriggio rientro a Lipari.

L’ultimo giorno ci imbarcheremo per Milazzo e inizieremo il viaggio di rientro. Avremo già nostalgia per le spiagge, i panorami, i colori e gli odori. Ma anche per i sapori unici della cucina eoliana e per le meditazioni compiute sorseggiando la dolce e ambrata Malvasia DOC.

Se vuoi saperne di più su questo viaggio e avere il programma completo, contattaci scrivendo a info@alestetour.it oppure su w.app al numero 334.1178046.

Print Friendly, PDF & Email
Irene Catani
Latest posts by Irene Catani (see all)

    Partenze disponibili

    Spiacenti, al momento non abbiamo disponibilità per questo tour

    Siamo spiacenti, non ci sono ancora commenti per questo tour.